K-Beauty: piccoli grandi gesti di bellezza

Negli ultimi anni è esploso un fenomeno conosciuto ai più come K-Beauty, noto per la sua capacità di rendere perfetta ogni tipologia di pelle e trasformarla nella “glass skin”.

Con questo temine alla moda è intesa la  famosa beauty routine coreana, una tecnica riflette l’approccio alla cura di sé radicato, ai limiti della fissazione perfezionistica, nella cultura orientale. Una vera e propria filosofia la cui parola d’ordine è costanza, perché i risultati si ottengono con il tempo e con i prodotti giusti, non tutto e subito.
Se approcciata nel modo giusto, senza diventare eccessivamente “maniacali”, questa tecnica si rivela essere anche molto divertente e rilassante, insegnandoci un nuovo modo per prenderci cura di noi attraverso piccoli gesti da compiere ogni giorno.

Non richiede molto tempo, parliamo di 20-30 minuti in quel paio di giornate in cui eseguiamo tutti i sui 10 step, mente al massimo 10-15 minuti il resto della settimana.

Cominciamo allora a conoscere le basi della k-beauty, come si articolano i vari step e quali sono i migliori prodotti alleati.

N.B. I PRODOTTI ELENCATI SONO QUELLI DA ME DI SOLITO UTILIZZATI, CON PELLE SECCA E SENSIBILE. NON È ASSOLUTAMENTE DETTO CHE VADANO BENE PER TUTTI INDISTINTAMENTE!

CLICCANDO SUI TITOLI, VERRETE REINDIRIZATI ALL’INDIRIZZO DOVE POTER FACILMENTE ACQUISTARLI

STEP 1 – IL CLEASING OIL

I detergenti oleosi sono una classe di prodotto che la cosmesi coreana ha fatto conoscere in Europa, proprio grazie alla sua skin care.

A mani asciutte e viso asciutti, si massaggia il detergente oleoso per sciogliere tutte le impurità a base grassa: trucco, sebo e smog. Dopo aver sciolto il tutto, si emulsiona l’olio con un goccio d’acqua, si sciacqua il viso e si passa allo step successivo.

Struccarsi usando le mani permette una detersione più delicata, evitando di stressare troppo ed inutilmente la pelle.

STEP 2 – DETERSIONE A BASE D’ACQUA

Il detergente a base d’acqua può avere la consistenza di un gel, una crema da montare tra le mani o una mousse, da applicare sul viso precedentemente bagnato.

Serve per rifinire lo step precedente e per rimuovere le cellule morte, le polveri sottili e i residui di skincare precedente. Queste sono note come impurità a base secca.

Questo passaggio va rigorosamente fatto ogni mattina e ogni sera e, unito al primo step, forma il rituale del double cleasing.

STEP 3 – ESFOLIAZIONE

Si tratta di uno step periodico e non giornaliero, poiché l’esfoliazione va eseguita mediamente 1 volta a settimana, accorciando a 3 giorni per pelle impura e allungando a 10 per pelle secca.

È preferibile usare esfolianti enzimatici biologici, molto più delicati e che non danneggiano la barriera idrolipidica come gli esfolianti più aggressivi.

Less is better!

STEP 4 – TONICO E FACE MIST

Il tonico è il primo step di idratazione , fondamentale per preparare la pelle a ricevere i principi attivi che verranno usati negli step successivi.

Immaginate la pelle del viso come una spugna asciutta: va idratata gradualmente partendo dalla texture più liquida per arrivare alla consistenza della crema.

Il tonico coreano per eccellenza è sempre idratante e ricco di attivi, si può trovare in 2 versioni: tonico liquido o face mist.

Le face mist sono tonici da nebulizzare sul viso, spesso usate per fissare il trucco o mantenere il viso idratato nei vari momenti della giornata.

STEP 5 – ESSENCE

La essence è una classe di prodotti assolutamente sconosciuta prima.

Si tratta di sieri con funzione di base idratante, allo stesso tempo estremamente carichi di principi attivi. Le essence sono il pilastro della beauty routine coreana.

La essence ideale è trasparente, dalla texture gelatinosa. Esistono però essence dalla texture semiliquida, chiamate First Essence.

Questo step è irrinunciabile e insostituibile nella vera k-beauty, poiché è lo step che assicura il maggior apporto di sostanze nutritive alla nostra pelle.

STEP 6 – SIERI, BOOSTER E AMPOULE

Questo è uno step facoltativo o periodico di trattamento extra con prodotti che sono indirizzati a trattare un problema specifico.

Un esempio sono i trattamenti con sieri alla vitamina C, come anche trattamenti con prodotti intensivi per il trattamento di rughe e macchie.

In base alla necessità che ognuno di noi ha, esistono decine di sieri da alternare periodicamente.

STEP 7 – MASCHERE

Come per l’esfoliazione, anche le maschere rientrano tra i trattamenti periodici della k-beauty.

Sempre più intrise di tutti i tipi di siero e dai packaging colorati e divertenti, le vere maschere coreane vi ricorderanno il mondo dei manhwa (manga coreani).

In realtà, il mondo delle maschere coreane è molto più ampio e performante delle semplici maschere in tessuto e presenta trattamenti intensivi di idratazione o purificanti da svolgere periodicamente.

Anche se si tratta di uno step periodico, questa è una coccola talmente piacevole che potrebbe spingervi a farne una anche ogni giorno.

STEP 8 – CONTORNO OCCHI

Il contorno occhi è la parte del viso che maggiormente differisce tra le donne asiatiche e le donne occidentali.
Non tutti i brand producono contorno occhi specifici, perché spesso vengono sostituiti con il tonico o la essence.

L’innovazione coreana è arrivata con i patch occhi in hydrogel, maschere dalla forma a goccia e ideali per combattere in modo intensivo bose, ruche e le più comuni occhiaie.

In questi prodotti è largamente diffuso l’utilizzo di polveri estremamente preziose, come l’oro, la polvere di perla, la polvere d’argento e la polvere di diamante.

STEP 9 – CREMA VISO

L’ultimo step idratante comprende sia le consistenze più fluide e assorbibili come le emulsioni o le lozioni, sia le creme.

La crema sigilla tutti gli attivi apportati da essence e sieri, donando il tocco finale perfetto.

Indispensabile nella routine serale, per idratare e nutrire maggiormente la pelle durante il processo rigenerativo del sonno, per la routine mattutina è un passaggio facoltativo, soprattutto se la pelle è giovane.

STEP 10 – PROTEZIONE SOLARE

Il sole è la prima causa di invecchiamento della pelle, questo è un dato noto.

Dato meno noto è che l’SPF o protezione solare va a pplicata tutte le mattina, estate o inverno che sia, per proteggere la pelle del viso (estremamente delicata) dall’esposizione diretta ai raggi.

L’industria ha sviluppato fondotinta che già contengono il fattore SPF ma, se non utilizziamo questo prodotto già di base, è importante applicare un leggero strato di protezione solare. Non dovrebbe mai essere inferiore alla protezione 30!

Sono prodotti perfezionati per essere usati tutti i giorni e anche sotto il trucco, per cui massima resa e massimo comfort.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...